• + 39 366 875 7570
  • Assistenza Whatsapp
  • Registrati
  • Accedi
  •      简体中文EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol

Fondelli in vetro: pro e contro

Dr. N

Il fondello in vetro è un accessorio apprezzato da molti appassionati di orologeria. Consente di vedere il movimento del proprio orologio meccanico senza doverlo togliere dal polso. Come tutte le aggiunte all’orologio, anche il fondello in vetro ha i suoi pro e contro: vediamoli assieme.

Fondello trasparente: la storia

I primi fondelli trasparenti furono realizzati da Omega negli anni Sessanta. Non erano però montati su orologi destinati alla vendita sul mercato generalista: si trattava bensì di strumenti realizzati per i venditori. L’idea era che i rappresentanti Omega potessero mostrare al pubblico la qualità dei movimenti della maison, senza dover aprire l’orologio ed essere costretti a esporne i delicati meccanismi a polvere o umidità.

Fino agli anni Ottanta, i fondelli rimangono generalmente realizzati in metallo pieno. Aggiungere un vetro significa nuove guarnizioni e quindi rischio di infiltrazioni se queste cedono. Un vetro inoltre comporta maggior spessore, fatto poco apprezzato fino agli anni Novanta.

Con il diffondersi di orologi sempre più massicci, la presenza di un vetro aggiuntivo e il mezzo millimetro di spessore in più che esso comporta diviene un problema minore, nel contesto di segnatempi più “corposi”.

Forse il fondello trasparente più riuscito in assoluto: la cassa Officer di Patek Philippe abbina l’estetica di un fondello tradizionale – a coperchio chiuso, la linea di giunzione è praticamente invisibile – alla possibilità di ammirare la raffinata lavorazione del movimento

Il fondello trasparente: pro e contro

Il fondello trasparente oggi è diffuso su orologi di tutti i tipi, dall’economico e robusto Seiko 5 ai più raffinati complicati dell’orologeria elvetica.

Una Casa che ha rifiutato il fondello trasparente è di sicuro Rolex. A parte un Cellini prodotto per breve tempo, Rolex ha sempre scelto la robustezza del tradizionale fondello pieno. Il che è in linea, peraltro, con l’immagine sportiva di Rolex.

Anche i produttori di orologi subacquei, solitamente, scelgono di non equipaggiare i loro modelli diver con fondelli trasparenti. Questo per due ragioni – che costituiscono anche i contro dei fondelli trasparenti -:

  • Il fondello trasparente comporta la necessità di installare una guarnizione tra il fondello vero e proprio e il vetro. Questa guarnizione, come ogni componente in gomma, è vulnerabile all’azione del tempo, che la rende alla fine fragile e screpolata. Un potenziale punto di infiltrazione per l’acqua, in un oggetto, l’orologio, che ne presenta già diversi, tra guarnizione del vetro, guarnizione del fondello e guarnizione della corona.
  • Un fondello trasparente aumenta lo spessore l’orologio. I subacquei sono già per loro natura fra gli orologi più “alti” in circolazione, aggiungere grossezza non è una buona idea.
  • Il fondello trasparente è, teoricamente, più vulnerabile agli urti di uno in metallo pieno. Vero è che, per il posto in cui si trova – a contatto col polso -, è molto difficile immaginare che un oggetto contundente possa colpirlo.
  • Il fondello in metallo consente di effettuare incisioni, per commemorare un particolare evento come il matrimonio: per questo, orologi come il Reverso di Jaeger, dall’ampio fondello metallico, sono molto apprezzati come dono.

Il grande vantaggio del fondello trasparente è la possibilità di osservare il movimento all’interno dell’orologio. Che si tratti di un semplice movimento di produzione di massa, come un ETA, un Sellita, un Miyota o un Seiko, o di un raffinato calibro di manifattura rifinito a Côtes de Genève, qualunque appassionato di orologeria apprezza la possibilità di ammirare il cuore pulsante del proprio segnatempo senza doverlo smontare.

Il fondello trasparente può essere un invito per un neofita a scoprire l’orologeria meccanica: per questo è apprezzabile il suo utilizzo in orologi di grande diffusione come questo Seiko 5

Conclusioni: fondello trasparente sì o no?

Chi scrive ha potuto constatare come neofiti dell’orologeria ed esperti siano parimenti affascinati dall’andirivieni del bilanciere e dal moto del rotore di carica. Naturalmente un orologio di lusso avrà un movimento più rifinito e piacevole alla vista. Ma anche se si regala un semplice orologio automatico di base, con movimento di fornitura esterna, a chi ha sempre utilizzato orologi a batteria, il fondello in vetro è un modo immediato per far comprendere alla persona che riceve l’orologio la grande differenza che passa da un segnatempo il cui moto è regolato da raffinati meccanismi e un calcolatore elettronico con oscillatore al quarzo.

Pertanto ben vengano i fondelli trasparenti, se sono in grado di portare nuovi appassionati al mondo dell’orologeria meccanica…

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti alla Newsletter di Chronosect (in fondo alla home page) e leggi il nostro Magazine!

Condividi l’articolo:
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on google
Share on telegram
Share on whatsapp

Vendi i tuoi preziosi al massimo del loro valore
(imparando a fotografarli)

Iscriviti alla Newsletter

Cerca il tuo orologio preferito