• + 39 366 875 7570
  • Assistenza Whatsapp
  • Registrati
  • Accedi
  •      简体中文EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol
IWC

La IWC, acronimo di International Watch Company, viene fondata da F. A. Jones, orologiaio americano che porta in Svizzera l’esperienza industriale statunitense nata nell’ambito delle forniture militari per la Guerra Civile Americana. L’obiettivo dell’azienda è di produrre orologi per il mercato americano, combinando la maestria artigiana svizzera con la moderna produzione in serie. L’azienda subisce numerosi passaggi societari nel corso del tempo, fino ad entrare nel gruppo Richemont dove tuttora è ricompreso, insieme ad altri grandi marchi orologieri quali Vacheron Constantin, Jaeger-LeCoultre, Cartier, Panerai, Piaget. Una costante della storia di IWC è il legame con gli eventi militari nel corso del tempo. Non solo la sua nascita è segnata dalle conseguenze tecniche di uno sforzo bellico, ma lo sviluppo di molti dei modelli che rendono IWC famosa ancor oggi è segnato dalle vicende guerresche. Parliamo ad esempio dello Special Pilot’s Watch del 1936, o del Big Pilot del 1940. Quest’ultimo orologio, in particolare, contribuisce a dettare i canoni dei segnatempo per aviatori: quadrante nero e ben leggibile, diametro ampio, corona di carica sovradimensionata per poterla usare coi guanti, sfere luminescenti, indici a numeri arabi poco ornati per facilità di lettura, e il celebre triangolo rivolto verso l’alto a ore 12, utile a far capire al pilota qual è l’orientamento del quadrante dell’orologio in ogni momento. Queste caratteristiche, in realtà mutuate dal B-Uhr richiesto dalla Luftwaffe alla A. Lange & Söhne e da questa subappaltato a IWC, segneranno un’intera categoria di orologi, i cosiddetti flieger. Un altro grande successo di IWC, il Portoghese, nasce invece nel 1939, dalla richiesta di alcuni importatori iberici che richiedono un cronometro da polso dotato di un calibro di alta precisione, derivato dai movimenti da tasca. Sempre in ambito militare, va ricordato il W.W.W., un essenziale field watch realizzato per il Regno Unito – durante la guerra, IWC, con neutralità tipicamente svizzera, vendette orologi ad ambo le parti in conflitto -. Dal punto di vista tecnico, è importante rammentare il contributo di Pellaton all’orologio meccanico a carica automatica, che vede introdurre un sistema di carica bidirezionale grazie ad appositi leveraggi tra il rotore e il bariletto. Nella seconda metà del Novecento, IWC crea altre tre linee di orologi di grande impatto stilistico, tuttora apprezzati dagli appassionati: stiamo parlando dell’Aquatimer, un tipico dress diver, del primo IWC Ingenieur disegnato da Gerald Genta, e dei segnatempo in titanio nati dalla collaborazione con Porsche Design.

  • Scopri gli orologi IWC disponibili su Chronosect!