• + 39 366 875 7570
  • Assistenza Whatsapp
  • Registrati
  • Accedi
  •      简体中文EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol

Rolex Submariner VS Tudor Black Bay 58

Dr. N

Il Rolex Submariner è certamente l’orologio subacqueo di lusso di riferimento. Chi acquista un Rolex Submariner, sia per investimento sia per portarlo, di rado si pente della sua scelta. Tuttavia, non tutti sono disposti a spendere una somma pari quasi al costo di un’utilitaria per acquistare un Rolex Submariner e portarlo poi al polso nelle situazioni per cui è stato progettato, vale a dire nelle immersioni, con tutti i rischi connessi.

Abbiamo quindi pensato per voi di fare un confronto con un altro orologio subacqueo di lusso, realizzato dalla stessa Casa produttrice del Submariner. Sì, perché Rolex non è il solo marchio con cui l’azienda ginevrina realizza orologi di lusso: c’è anche Tudor!

Tudor Black Bay

Il marchio Tudor è, sin dall’inizio della sua storia, l’alternativa accessibile alla sua stessa Casa madre: Rolex, per l’appunto. Chi compra un Tudor sa di acquistare un prodotto realizzato secondo gli standard qualitativi cui Rolex ci ha abituato, senza però il “peso”, di immagine e di prezzo, della Casa della Corona. 

La linea Tudor Black Bay, presentata nella sua prima  versione nel 2012, costituisce sia un ritorno al passato che un esempio di innovazione. Inizialmente equipaggiati con ebauches di ETA, attualmente i Tudor Black Bay montano movimenti di manifattura Tudor, dotati di spirali del bilanciere in silicio che garantiscono resistenza ai campi magnetici superiore rispetto a quelle tradizionali. A questa innovazione si abbina un aspetto esteriore vintage, ispirato agli orologi subacquei degli anni Settanta.

L’idea del Tudor Black Bay è piaciuta e ha avuto un ottimo riscontro di mercato. La scelta di Tudor di puntare su stilemi vintage ha incontrato il favore degli appassionati, ma con qualche riserva. L’argomento principale dei critici del primo Black Bay riguarda le dimensioni dell’orologio: se si vuol realizzare un segnatempo di ispirazione retro, scegliere una cassa da 41 mm di diametro appare poco consono al periodo storico, gli anni Sessanta e Settanta, che si desidera richiamare.

Il Tudor Black Bay 58

Con il Tudor Black Bay 58, Tudor dimostra di essere una Casa che sa ascoltare i propri clienti. Questo orologio, che conserva le caratteristiche meccaniche dei predecessori, integrando sia la riserva di carica di settanta ore che la spirale in silicio, si avvicina ancora di più alle caratteristiche dei vintage cui già il Black Bay da 41 mm si ispira. Come detto, il movimento MT 5402 ha permesso di ridurre le dimensioni della cassa, non solo in larghezza – il diametro del Tudor Black Bay 58 è infatti di 39 mm, due in meno del modello cui si ispira – bensì soprattutto nello spessore: l’altezza della cassa del Black Bay è di 15 mm, quella del Tudor Black Bay 58 invece risulta di ben 3 mm più sottile. Questa caratteristica avvicina di molto l’indossabilità del Tudor Black Bay 58 a quella dei Rolex Submariner vintage, completando così il percorso di avvicinamento agli stilemi di un tempo cui Tudor ha deciso di improntare il suo nuovo corso estetico.

Tudor Black Bay 58 vs Rolex Submariner: un confronto impossibile?

Il Rolex Submariner, nato nel 1954, da oltre sessant’anni calca la scena dell’orologeria subacquea al polso di professionisti delle immersioni, attori cinematografici e celebrità. Grazie alla sua qualità e a un’ottimo lavoro di promozione da parte di Rolex, il Submariner oggi è assurto a status symbol, raggiungendo prezzi ai vertici del segmento.

Il Tudor Black Bay 58 è, come visto, un orologio molto più recente, anche se ispirato a stilemi vintage. La scelta  di realizzare un orologio subacqueo di lusso da parte di Tudor, che afferisce alla stessa Casa madre di Rolex, è certamente interessante per chiunque cerchi un segnatempo prestigioso ma utilizzabile tutti i giorni senza troppo preoccuparsi di graffi o usura. Pur essendo un orologio subacqueo di lusso molto diverso dal Rolex Submariner, ha tuttavia qualcosa in comune con esso: la destinazione d’uso originaria. I primi Rolex Submariner non erano, infatti, status symbol, bensì orologi ben fatti e di alta qualità da utilizzare nella vita di tutti i giorni.

È questa usabilità, questo essere adatto all’uso quotidiano che rende il Tudor Black Bay 58 una sorta di erede morale dei primi Rolex Submariner. Il Submariner rimane sempre l’orologio diving di lusso per eccellenza, ma Rolex ha compiuto la scelta di posizionarlo sempre più in alto, come immagine e come prezzo, allontanandolo dalla sua ragion d’essere originaria: quella di un orologio subacqueo adatto alle immersioni quanto alle serate eleganti. Ecco perché è da accogliere la scelta di Tudor di realizzare un segnatempo che, con doti tecniche di indiscutibile qualità e un’esecuzione impeccabile, è in grado di colmare quel vuoto che il Rolex Submariner, vittima del suo stesso successo, ha lasciato dietro di sé.

E voi, cosa ne pensate? Preferite l’investimento sicuro del Rolex Submariner o la sportività quotidiana del Tudor Black Bay 58? Ditecelo nei commenti!

 

Condividi l’articolo:
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on google
Share on telegram
Share on whatsapp

Vendi i tuoi preziosi al massimo del loro valore
(imparando a fotografarli)

Iscriviti alla Newsletter

Cerca il tuo orologio preferito