• + 39 366 875 7570
  • Assistenza Whatsapp
  • Registrati
  • Accedi
  •      简体中文EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol

Il mio orologio è impermeabile?

Dr. N

Molti acquirenti di orologi si pongono una domanda semplice: il mio orologio è impermeabile? L’impermeabilità è una delle caratteristiche più utili in un orologio, perché tutti noi esponiamo spesso il nostro corpo all’acqua, che sia per lavarci le mani o per tuffarci in piscina o per una doccia.

Vediamo allora cos’è l’impermeabilità e come capire se l’orologio che si ha al polso è impermeabile o meno.

Cos’è l’impermeabilità? Perché è importante?

Gli orologi normalmente sono collaudati per verificare la loro resistenza all’acqua. Le prove consistono nel sottoporre l’orologio a una pressione esterna superiore a quella atmosferica. Essenzialmente l’orologio viene messo in una campana a pressione dove viene iniettata aria. Se si rilevano diminuzioni di pressione all’interno della campana significa che l’aria penetra nell’orologio. Questa è la ragione per cui l’impermeabilità degli orologi è spesso misurata in atmosfere.

Un’altra unità di misura per l’impermeabilità degli orologi sono i metri d’acqua. Una colonna di dieci metri d’acqua esercita una pressione pari a un chilogrammo per centimetro quadrato, ossia 1 atmosfera. Pertanto un orologio impermeabile a 3 atmosfere sarà anche definito come impermeabile a 30 metri. È un modo fuorviante di indicare l’impermeabilità. Usare infatti un orologio “impermeabile a 30 metri” mentre si nuota comporterà quasi certamente infiltrazioni d’acqua. La ragione di questa contraddizione apparente? Una resistenza statica alle infliltrazioni, misurata in una campana a vetro, non ha molto a che vedere con le sollecitazioni che un orologio riceve nuotando.

L’acqua che impatta contro l’orologio nel moto natatorio preme con molta forza sulle guarnizioni, sollecitandole più vigorosamente di quanto farebbe una graduale immersione alla profondità per cui l’orologio è testato. Per questa ragione si raccomanda di utilizzare orologi con profondità di immersione molto maggiore della profondità effettiva alla quale si nuota, come vedremo nel prossimo paragrafo.

I livelli di impermeabilità

Gli orologi hanno, come visto, livelli di impermeabilità misurati in atmosfere e metri.

Vediamo adesso cosa significano in concreto questi livelli.

  • Impermeabilità 1 atmosfera (sul fondello vi è la sigla “1 atm” o “10 m”): si tratta di orologi non impermeabili. Possono resistere a polvere e sudore, ma già il getto di acqua con cui ci si lava le mani li mette a rischio d’infiltrazioni.
  • Impermeabilità 3 atmosfere (“3 atm” o “30 m”): si tratta di orologi leggermente impermeabili, adatti alle situazioni di tutti i giorni come lavarsi le mani o prendere pioggia. Non sono adatti a nuotare o fare la doccia, quantunque solitamente sopravvivano a una caduta accidentale in acqua.  È comunque da evitare, se possibile, un getto diretto di acqua sull’orologio.
  • Impermeabilità 10 atmosfere (“10 atm” o “100 m”): orologi adatti al nuoto di superficie, oltre che alle situazioni di tutti i giorni. Tollerano immersioni in apnea poco profonde e sono, naturalmente, adatti a tutte le piccole esposizioni all’acqua citate per gli orologi di impermeabilità inferiore.
  • Impermeabilità 20 atmosfere (“20 atm” o “200 m”): orologi adatti al nuoto e alle immersioni con bombole. Da qui si può autenticamente iniziare a parlare di orologi subacquei. Sono orologi che, grazie alla loro costruzione, riescono a resistere all’infiltrazione di acqua in tutte le situazioni in cui ci si può realisticamente trovare.
  • Impermeabilità oltre le 20 atmosfere (o 200 m): sono orologi destinati a impieghi professionali. Immersioni a grande profondità, lavori pesanti sott’acqua, lunghi stazionamenti in capsule iperbariche: questi gli scenari per cui questi orologi sono progettati. Talvolta questi orologi subacquei integrano una valvola per la fuoriuscita dell’elio, come nel caso dell’Omega Seamaster o del Rolex Sea-Dweller. La valvola per l’elio deve essere considerata uno strumento destinato a professionisti che trascorrono lunghi periodi nelle camere iperbariche, non avendo alcuna applicazione pratica sulla, o appena sotto la, superficie.

Come scoprire se il tuo orologio è impermeabile

Normalmente, il grado di impermeabilità di un orologio è indicato sul retro della cassa, nella parte chiamata fondello, vale a dire il coperchio che serra la parte posteriore della cassa e permette l’accesso al movimento quando aperto. Di solito è inciso insieme ad altre informazioni al centro o lungo il perimetro del fondello. Alcuni orologi indicano il grado di impermeabilità, in atmosfere o in metri, anche sul quadrante.

Nella maggior parte dei casi, la scritta riportata sull’orologio insieme alla tabella nel paragrafo precedente ci consentono di capire in quali situazioni possiamo usare il nostro orologio senza timore di infiltrazioni d’acqua.

E se l’impermeabilità non è indicata?

Se il grado di impermeabilità non è indicato in nessuna parte dell’orologio, né sull’eventuale manuale di istruzioni dell’orologio stesso, si è probabilmente in presenza di un orologio non impermeabile. Questo vale soprattutto per i c.d. orologi di forma, ossia quelli rettangolari, ottagonali o di ogni altra forma differente da quella tondeggiante ordinaria.

Gli orologi rotondi spesso hanno un fondello circolare. Questo può essere fissato a pressione o a vite. Se fissato a vite, assicura impermeabilità maggiore. Questa è la ragione per cui la maggior parte degli orologi subacquei ha una forma più o meno circolare: essa permette una più agevole installazione del fondello a vite, utile per garantire l’impermeabilità.

Si può notare, sul fondello di questo Glycine, l’indicazione dell’impermeabilità in atmosfere e metri

 

Ora, in un orologio di forma solitamente il fondello non è circolare e non può quindi essere fissato a vite: ragion per cui, se non diversamente indicato, dobbiamo ritenere non impermeabili gli orologi di forma.

Un altro indizio per scoprire se l’orologio resiste o meno all’acqua è la presenza di una corona a vite. La corona è il pomello che sporge, solitamente a ore tre, dalla cassa dell’orologio. Serve, una volta estratta, a regolare l’ora e a dare la carica negli orologi meccanici. Se la corona per essere estratta va ruotata in senso antiorario come un tappo di bottiglia, significa che è a vite; se invece esce semplicemente tirandola verso l’esterno, è a pressione. Salvo eccezioni, gli orologi con corona a pressione non sono quasi mai subacquei.

Due consigli in chiusura:

  • Se avete un orologio con il cinturino in pelle, evitate di sommergerlo. La pelle è molto delicata e l’acqua potrebbe rovinarla. Di solito gli orologi subacquei hanno cinturino in gomma o bracciale metallico per questo motivo.
  • Evitate se possibile di farvi la doccia con l’orologio. I getti del doccino arrivano a pressioni molto alte e possono penetrare orologi anche resistenti a 10 atmosfere.

Conclusioni: il mio orologio è impermeabile?

Se l’orologio riporta la dicitura “10 atm” o “100 m”, ed è integro, è probabilmente impermeabile abbastanza da poterci nuotare.

Il problema eventualmente potrebbe sorgere nel caso di orologi di una certa età, in cui col tempo le guarnizioni che tengono l’acqua fuori dalla cassa si sono irrigidite o consumate: questi orologi non vanno considerati impermeabili, se non dopo una revisione di un esperto.

In generale, il nostro consiglio è questo: se non siete sicuri dell’impermeabilità di un orologio, chiedete a un esperto qualificato che saprà consigliarvi al meglio. Potete trovarne uno nella vostra zona con l’apposito strumento di ricerca di Chronosect. I laboratori di fiducia che trovate su Chronosect sono equipaggiati con le migliori attrezzature e, soprattutto, sono contraddistinti dalla competenza e dall’esperienza dei migliori orologiai italiani. Potete affidar loro il vostro orologio con la massima fiducia.

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti alla Newsletter di Chronosect (in fondo alla home page) e leggi il nostro Magazine!

 


Condividi articolo con: